news_16d

Trevi nel Lazio

Trevi è senza alcun dubbio uno dei comuni più caratteristici del Frusinate. Dotato di posizione strategica, in quanto collocato nell’alta valle dell’Aniene ed al centro del parco dei monti Simbruini , è da sempre poco sponsorizzato per la scarsità di strutture alberghiere e turistiche.

news_16

Storicamente questo comune si pone come avamposto romano, originariamente detto “Treba Augusta”; successivamente è feudo della famiglia Caetani la quale, fino al celeberrimo “schiaffo d’Anagni” subito da papa Bonifacio VIII nel 1302, sarà in conflitto con i Colonna per la spartizione dei territori laziali.

Dei trascorsi storici abbiamo testimonianza grazie al Castello Caetani che si erge sul punto più alto della cittadina nonché dalla moltitudine di infrastrutture e reperti romani ritrovati e ad oggi perfettamente conservati.

Da visitare è sicuramente: la Collegiata di Santa Maria del XIII sec., chiesa in stile romanico curata molto nei particolari e custode di uno splendido organo del Bonifazi; proseguendo lungo il corso sulla destra appare una struttura che appena entrati ci regala un complesso scultoreo in marmo di scuola michelangiolesca-berniniana, è l’Oratorio di San Pietro Eremita, sorto nel XVII sec. sulle ceneri del pollaio ove quasi cinque secoli prima era morto il santo.
news_16b
Sicuramente i giorni dell’anno in cui è consigliato visitare questo paese sono quelli che accompagnano la festa del santo patrono San Pietro Eremita ed in particolare tra il 28 ed il 31 agosto; caratteristici sono la “tronizzazione” del santo e la sua processione per tutto il paese (accompagnata da canti e fuochi d’artificio)  il 28 ed il 29 , la fiera (grande mercato tenuto nei pressi del comune dove si possono trovare beni di tutti i tipi dagli animali ad indumenti) ed infine la”Signoraccia” il 31, cerimonia che simbolicamente chiude i festeggiamenti con il rogo di una bambola gigante in carta pesta.

news_16cPer gli amanti dello sport e delle attività all’aria aperta, Trevi è a breve distanza dalle strutture sciistiche di “Campo Staffi” nonché da una moltitudine di sentieri naturalistici che vi condurranno a fonti naturali e cascate.

Potremmo dunque riassumere quest’amena cittadina come un concentrato di cultura immersa in una realtà purtroppo ancor poco conosciuta quale quella del frusinate.

Per cui se avete voglia di vivere dei giorni rilassanti tra panorami mozzafiato, tradizione e sapori intensi che aspettate fate un salto a Trevi nel Lazio!

142total visits,3visits today